Roulotte miti da sfatare

La Roulotte nel bel paese è stata nell’ultimo decennio un po’ snobbata, non bisogna essere dei grandi osservatori o luminari per capire che gli italiani preferiscono il camper alla roulotte.

Se durante il weekend percorrete una qualsiasi autostrada e contate quanti camper e roulotte incrociate nel senso di marcia opposto non c’è gara, a volte ci capita di trovare zero caravan in tratte da 50 km contro un’orda di camper che, iniziamo a contare, ma poi smettiamo perché perdiamo il conto.

Questo però cambia leggermente durante la stagione estiva quando un buon numero di stranieri invadono ancora il nostro paese con caravan al seguito.

La sensazione è che nel nostro paese il connubio delle parole “turismo” ed  “itinerante” sia il sinonimo di “camper”, che il campeggio in tenda sia destinato solo ed esclusivamente ai ragazzini che non hanno soldi e che la roulotte significa sostanzialmente “seconda casa al mare/ montagna”.

A noi viene da dire che questa sensazione corrisponde alla verità, se per verità intendiamo la percezione del termine “turismo itinerante” da parte dell’italiano. Eh si, perchè di percezione si tratta tanto che la verità dei fatti è un’altra o almeno a noi piace credere che lo sia, che qualcuno si stia svegliando, stia capendo che si può itinerare con mezzi diversi dal camper e che alla fin fine siamo tutti uguali, siamo tutti in cerca di qualche momento spensierato, di contatto con la natura, di pace e di un turismo che rispecchia le esigenze personali bypassando la routine settimanale che ci siamo creati.

Tanto che ci sentiamo il dovere di sfatare alcuni miti attinenti al mondo roulotte che quasi tutti gli osservatori esterni hanno nelle proprie menti, lo sappiamo perché più di una volta ci siamo trovati realmente a rispondere a queste domande, a volte queste non erano nemmeno domande erano affermazioni che prontamente abbiamo smentito.

Ipotizziamo di chiacchierare con un Conoscente al quale raccontiamo qualcosa dell’ecosistema caravan.

Il camper non è la roulotte

roulotte miti da sfatare

Conoscente: “Dove vai con il camper il prossimo week-end?”
Caravanista: “Andiamo al mare ma comunque non abbiamo il camper…abbiamo la roulotte.”
Conoscente: “Ah si? Comunque sempre camper è.”

Questo è il primo grosso ostacolo, far capire che camper e roulotte sono due cose separate, nessuno è l’evoluzione dell’altro e che mai si uniranno in un unico mezzo. Questo è sempre molto complicato, a parte gli scherzi, sai benissimo che quando un luogo comune si insinua nella testa è difficile debellarlo, lo si può fare solo fornendo prove tangibili della propria tesi.

A parte che non vogliamo convertire nessuno alla caravan e che ognuno può pensare quello che vuole ma almeno avere un dubbio sul fatto che camper e caravan non siano la stessa cosa ci sembra logico. Invece a volte no, ma la colpa non è tutta di Conoscente, i media ci mettono del loro, capita spesso che il termine camper venga utilizzato per fare riferimento alle roulotte.

E’ impossibile usare la roulotte durante il week-end

caravan relax

Conoscente: “Allora, hai già messo a dormire la roulotte?”
Caravanista: “Si fino a venerdì!”
Conoscente: “Ah ma la usi ancora?”
Caravanista: “Eh si…”

Per tanti utilizzare la caravan per il weekend sembra uno sforzo logistico, tecnico, economico, temporale e chi più ne ha più ne metta, insormontabile. Conosciamo tantissimi caravanisti che si spostano solo per il week-end e costoro, a loro dire, non hanno mai ricevuto medaglie o premi. Come lo si fà con il camper o con la tenda lo si fà anche con la roulotte. Agganciare la caravan non richiede un particolare training o allenamento, servono 5 minuti, solitamente il problema maggiore è non dimenticarsi le chiavi della roulotte a casa.

Quindi si, appena possiamo ci facciamo il week-end via!

Ma quando fa freddo come fate?

Conoscente: “Ma in inverno come fate? Cioè avete una stufina elettrica? …che coraggio però!”
Caravanista: “No guarda, dentro funziona come un camper, cioè stufa a gas con l’aria canalizzata poi abbiamo la batteria… insomma come il camper.”
Conoscente: “Ah ok… ma che freddo!”

Questa è una delle nostre preferite perché vediamo nella faccia di Conoscente che qualcosa non torna, come se qualcuno gli avesse raccontato al tempo delle bugie che ora qualcuno ha smentito. Si, mi dispiace deluderti ma abbiamo la stufa e funziona anche senza batteria di servizio e se ho la batteria mi va anche la termoventilazione e se ho il pannello solare sono pressoché autonomo come il buon camperista. Sopra c’è la cucina con tre fuochi dove possiamo fare il risotto come a casa, il lavandino per lavare i piatti ed il boiler per scaldare l’acqua. Qua però dobbiamo ammettere che il boiler, almeno il nostro, funziona solo a 220V e quindi se non siamo allacciati alla corrente niente acqua calda, ma comunque a noi poco interessa, un modo per scaldare l’acqua lo troviamo, insomma un po’ di avventura!

Che poi, se fosse una mancanza primaria avremmo già installato un’altra tipologia di boiler ma non ne sentiamo l’esigenza.

Devi per forza andare in campeggio

roulotte weekend

Conoscente: “Adesso c’è tutto chiuso, finita la pacchia, basta vacanze, non puoi stare lungo la strada!”
Caravanista: “Guarda ci sono anche le aree sosta o agricampeggi, insomma qualcosa si trova sempre…”
Conoscente: “Ah…”

Solitamente ci si appoggia ad una struttura ma il motivo principale è che non ci piace passare il weekend sull’asfalto, vogliamo poter scendere con tranquillità, aprire tavolo e seggiole e riposarci. Ovvio che se per una notte la si deve passare fuori non ci sono problemi ma per le soste di 2 giorni o più troviamo sempre un punto di appoggio, anche perchè poi sganciamo la caravan e con l’auto ci spostiamo agilmente. In Italia la copertura di aree sosta attrezzate non è delle migliori ma si trova sempre un punto dove potersi allacciare alla corrente e fare la doccia.

Si la doccia, anche se è inverno la facciamo fuori dalla caravan, anche se ci sono -10°C, nessuno è mai morto ed anzi, dopo che risali sulla roulotte docciato dormi che è un piacere.

Abbiamo tutto per fare la doccia sulla caravan ma il bagno è un po’ strettino e quindi preferiamo utilizzare i servizi pubblici.

La mia patente non va bene

roulotte patente

Conoscente: “Ma quanto sei lungo, che patente hai fatto per guidare la caravan? ”
Caravanista: “Nessuna per ora.”

C’è ancora l’idea che per trainare qualcosa di lungo serva una patente speciale ma invece è il peso che bisogna tenere d’occhio, con la tua patente B puoi trainare un rimorchio frenato del peso massimo di 3.500 kg – “la massa complessiva della tua auto (voce F2 del libretto)” a patto che la tua auto traini tale massa (voce O1 del libretto dell’auto). Un esempio veloce: se la tua auto ha un F2 di 2.000 kg puoi trainare al massimo 1.500 kg se la voce O1 è maggiore o uguale di 1.500 kg. Se il tuo O1 è 1.200 kg, puoi trainare al massimo 1.200 kg.

Nessuno usa più la roulotte

Conoscente: “Mi ricordo che una volta si andava in campeggio con la roulotte, i camper non c’erano ancora… invece adesso chi la usa più la roulotte?”

Si qua in Italia pochi utilizzano la caravan, dire il contrario sarebbe una distorsione della realtà ma se vi capita di andare nei paesi del nord Europa oppure in Germania il numero delle caravan è di gran lunga superiore al nostro, basta vedere quante ne scendono durante l’estate nei campeggi. Però le mosche bianche iniziano ad aumentare, capita sempre più spesso di incontrare nuove famiglie in caravan e questo ci fa molto piacere.

In conclusione

Con questo articolo non vogliamo prendercela assolutamente con i camperisti, abbiamo tantissimi amici che viaggiano in camper ed anche noi abbiamo dei trascorsi in camper, abbiamo fatto riferimento più di una volta alla platea dei camper in quanto è quella dove veniamo paragonati o contrapposti maggiormente.

Quello che vogliamo è invece cercare di sfatare alcuni miti comuni legati alla caravan, buoni chilometri a tutti!

like e condividi

Aspetta a chiudere la pagina!

Per scrivere questo articolo abbiamo impiegato del tempo prezioso, in cambio ti chiediamo solo di:

scrivere cosa ne pensi nei commenti qui sotto

oppure

condividere il post con i tuoi amici

Grazie!

Lascia il tuo commento

0
  Articoli che potrebbero interessarti