Paolo ci ha scritto un messaggio via email dove ci chiedeva se era meglio il camper o roulotte, un messaggio talmente interessante che gli abbiamo chiesto se potevamo scrivere un articolo nel nostro blog in risposta per avere il parere anche dei lettori di Caravan Trips.

Camper o roulotte

Sappiamo che l’argomento “Camper o Roulotte” è spesso la scintilla che accende il dibattito tra due fazioni, questo è vero ma è bene non fare di tutta un’erba un fascio.

Ricordiamoci che stiamo sempre parlando di un modo per passare il proprio tempo libero e che questo non dovrebbe generare nessuna polemica.

Come in tutte situazioni è importante porsi la domanda conoscendo lo specifico contesto e in questo caso Paolo ci ha raccontato in modo chiaro quali sono i suoi dubbi.

Qui sotto potete trovare il suo messaggio al completo.

Camper o roulotte: la domanda di Paolo

Salve a tutti, sono in attesa di fare il “grande passo”, ossia lasciare il camper per la caravan. I dubbi però sono ancora molti, e quindi non riesco a decidermi. Questa sorta di indecisione mi tortura da parecchio tempo e non ne vengo a capo. La mia speranza è quella di trovare qualcuno che abbia già sperimentato questa situazione, e possa riportare le proprie esperienze così da confermare o smentire tutti i miei dubbi.

Tanto per iniziare è d’obbligo una premessa sul mio stile di vacanza.

Siamo in due, senza figli né animali al seguito. Amiamo viaggiare, viaggi itineranti, alternati a qualche vacanzetta stanziale al mare o in montagna (in genere una settimana).

Ci muoviamo per tutto l’anno, almeno un weekend al mese. A volte riusciamo a partire il venerdì. Viaggiamo con un van di 6 mt, che ci offre sufficiente abitabilità per due e ci permette di spostarci velocemente nel poco tempo che abbiamo, lavorando entrambi.

In autostrada viaggiamo a velocità codice, per cui le tempistiche sono le stesse di un auto.

Riusciamo ad andare e parcheggiare quasi alla pari delle auto. Nel caso abbiamo anche l’opzione moto al seguito, che trasportiamo con un carrello.

Pernottiamo principalmente presso agriturismi e campeggi. A volte capita qualche sosta libera. Le aree attrezzate le evitiamo il più possibile causa ammassamento e dilagare di maleducazione. Non fanno per noi!

Venendo al treno auto+caravan: abbiamo a disposizione una Volkswagen Jetta 1.4 turbo benzina con 160.000 km, che ha 122CV e una buona coppia (200 Nm a 1500 giri). La capacità di traino è di 1300 kg. Le caravan con questo peso trainabile non sono moltissime.

La nostra selezione è stata fatta sui marchi Fendt, Knaus, Tabbert, Hymer, Hobby. Ci interessava anche la Dethleffs ma a listino non ha caravan con peso max omologato uguale o inferiore a 1300 kg. Per stare sotto questo peso, dovrei puntare ad altri marchi, con conseguenti caratteristiche tecniche di isolamento e robustezza inferiori. Per cui preferirei stare su questi marchi anche se sono al limite del peso, e poi magari mettere in preventivo in un secondo momento di cambiare l’auto con una suv.

Vengo ora alle motivazioni che mi spingerebbero a fare questo cambiamento e ai successivi dubbi che mi frenano:

MOTIVAZIONI: viaggiamo in camper dal 2001, prima avevamo un autocaravan mansardato. In questi 17 anni abbiamo girato in lungo e in largo praticamente ogni nazione europea. Siamo stati anche in Turchia e due volte in Marocco, in Scandinavia, Gran Bretagna, Rep. Baltiche, ecc.

Estonia in camper

Scozia in camper

Turchia in camper

Ci piacerebbe ancora esplorare il medio oriente (Iran, in primis), ma ad oggi non ci sentiamo abbastanza sicuri. Dunque, abbiamo capito che, per vedere qualche nuova cultura, è arrivato il momento di spingerci molto più in là, dove serve l’aereo e di conseguenza lasciando il camper fermo a casa. Anche i weekend, sono diventati poco appetibili per me. Spingersi troppo lontani per una sola notte mi pesa, le ore di guida pesano sia per il fatto che ne faccio già tante per lavoro, sia per il traffico e le code che oggi si incontrano praticamente sempre. Quindi restiamo nel raggio di circa 100 km. In questo caso, a volte penso che muoversi in camper sia più un lavoro che uno svago (carica acqua, provviste, e poi scarica tutto, pulisci dentro, svuota la cassetta wc, ecc), meglio sarebbe utilizzare la sola auto in giornata e rientrare a casa per la notte vista la vicinanza. Infine, siamo motociclisti da sempre, e spesso ci muoviamo in due ruote, sia per un tour domenicale sia per un weekend.

Camper o caravan

Quindi il camper, per noi, ha perso molte delle sue motivazioni di esistere. Sentiamo come se fosse arrivato a fine ciclo, come se avesse esaurito le sue motivazioni e capiamo che le nostre esigenze sono cambiate. Da più giovani partivamo il venerdì sera e ci sparavamo 600/ 700 km in un weekend, senza meta, magari dormendo male in un autogrill, ma eravamo felici così. Oggi tutto ciò ci sembra assurdo e illogico. La caravan sarebbe un’ancora di salvezza per non smettere del tutto e continuare a praticare uscite in plein air. Come dire, meno uscite ma meglio calibrate. I weekend li si farebbe in moto, i viaggi lunghi in aereo, ma quando capita l’occasione lei sarebbe lì pronta ad essere utilizzata, senza nessun costo o obbligo come richiede un camper. Magari a rientro di una vacanza transoceanica, avanzano alcuni giorni di ferie e te ne vai a rilassarti in un bel campeggio in montagna o al mare. Tutte cose che puoi fare anche con il camper ma è psicologicamente diverso. Il camper ti “obbliga” ad utilizzarlo, è fatto per muoversi come se fosse un auto. Andare in vacanza diversamente sapendo di avere a casa un mezzo non utilizzato che è costato 45.000 €, è un peso psicologico, almeno per me. La caravan in questo senso ti rende più libero. Mentalmente non hai nessun obbligo nei suoi confronti perché sai già che richiede uscite diverse e di maggiore durata, e che non si rovina a stare ferma ne richiede alcun costo annuo, se non irrisorio. Se vuoi la usi altrimenti resta li. Fine!

DUBBI: Il dubbio più ricorrente è quello che verrebbe utilizzata molto poco, due/ tre volte all’anno. Dovrei eliminare tutti i weekend. Non che tecnicamente non si possano fare, ma se pesa uscire in camper per una sola notte figuriamoci in caravan che, per quanto poco richiede sempre qualche operazioni, in più e più attenzioni alla guida e alla sosta. Resta la settimana al mare o in montagna ma cosa mi offrirebbe in più rispetto a prima? Dove guadagno? Spazio? Montare una veranda, anche gonfiabile Kampa, può non essere necessario per una sola settimana, anche solo per il fatto che poi diventa un lavoro a casa di pulizia o asciugatura (se viene messa via bagnata). Ok l’auto a disposizione, ma anche con la moto al seguito non ce la caviamo male. Penso poi a un viaggio itinerante. Con la caravan ti organizzi diversamente. Fai base in un campeggio e visiti a stella con la sola auto. Poi agganci e ti sposti in un’altra zona, e così via. Ma se durante il trasferimento ci fosse qualcosa da visitare? Con il camper quest’estate abbiamo visitato una base missilistica in Lettonia, ci si arrivava per mezzo di una strada sterrata in mezzo alla foresta e giunti sul posto non vi era grande area di manovra. Come avremmo fatto con la roulotte? Ci sono capitate anche giornate piovose in viaggio in mezzo alla campagna estone. Abbiamo pranzato solo perchè eravamo in camper. Se avessimo avuto la roulotte in campeggio e fossimo stati con la sola auto, non avremmo trovato alcuno posto per il ristoro. Stessa cosa dicasi per il wc. Altro dubbio è la velocità. Penso ad esempio all’autostrada BO-FI , due corsie e sempre zeppa di camion che in salita rallentano fino a 40-60km/h incolonnandosi tutti a destra. Con il camper accelero e mi metto in sorpasso alla pari delle auto. Con la caravan come si fa? Ti piazzi tra due camion e porti pazienza, tanta! Altro dubbio: in un viaggio invernale, ti fermi per il pranzo e trovi il camper già caldo. Se entri in caravan per pranzare la trovi gelata! Infine le soste: tecnicamente penso si possa sostare anche con la caravan presso qualche agriturismo, specie fuori stagione quando molti campeggi sono chiusi. Ma con lo scarico come si fa? Normalmente queste strutture non offrono servizi o camper service. Per la batteria, avendo il mover, non ci sarebbero problemi. Acqua chiara con serbatoio da 50 lt (spesso optional) te la cavi, ti puoi fare docce a fare i piatti (sul camper abbiamo 100 lt ma solitamente in un weekend ne consumiamo metà). Ma lo scarico? Quello mobile a rotelle mi pare sia da 25 lt. Ne servono due? Senza contare che raggiungere certi agriturismi è già una mezza impresa con il camper! A tal proposito sono attendibili i navigatori per caravan?

Scusate il lungo papiro ma ho cercato di mettere tutto sul piatto, sperando che possa essere utile a chiunque possa trovarsi nelle stesse condizioni con gli stessi dubbi.

Beh a Paolo potremmo rispondere con un testo altrettanto lungo entrando nel dettaglio di ogni singolo punto ma non pensiamo sia molto utile in quanto si tratta solamente della nostra opinione, Paolo ha esigenze diverse dalle nostre e ha vissuto esperienze diverse dalle nostre e sinceramente non sappiamo se può essere la scelta giusta visto i mille dubbi che sono stati elencati.

C’è solo un consiglio che possiamo dare a Paolo.

Dato che Paolo ha già un auto che gli permette di trainare una roulotte e che ha le idee chiare di cosa potrebbe fare o non fare con la caravan la soluzione più semplice è quella di acquistare una roulotte usata spendendo circa 5000 – 8000 € e sperimentare la caravan nel modo che ritiene più opportuno oppure provare a noleggiarne una per qualche giorno.

Se dopo 1 anno Paolo capisce che la caravan non fa per lui ha un’ottima probabilità di vendere la caravan alla stessa cifra, può capire da solo se la roulotte è il mezzo giusto o no senza un particolare sforzo economico rientrando quando vuole dei soldi che ha speso.

Conosciamo persone che utilizzano la caravan tutti i weekend, persone che fanno la stagione al mare o in montagna e persone che con la roulotte vanno a capo nord in inverno, ognuno ha il suo modo di vivere la roulotte!

Per quanto riguarda le soste e tutti i comfort della caravan il nostro consiglio è sempre quello di trovare un’area attrezzata con bagni per la sosta, sganciare la caravan e muoversi con la macchina. Nulla vieta con il tempo di attrezzare la roulotte con tutti gli optionals del caso per vivere la vacanza en plein air al massimo del lusso 🙂

Ma a tutto c’è tempo, meglio iniziare e capire se si è sulla strada giusta prima di spendere soldi per niente.

Speriamo di trovare Paolo in giro un giorno, con la caravan, con il camper o in moto.

Se vuoi dare il tuo contributo a Paolo ed esporre la tua opinione, scrivi pure nei messaggi qui sotto!

Aspetta a chiudere la pagina!

Questo articolo è molto importante per chi ama il plein air... CONDIVIDILO CON I TUOI AMICI!